The FK experience il sito di Franz Krauspenhaar

9 settembre 2005

Profilo

Filed under: — Franz Krauspenhaar @ 15:15

FRANZ KRAUSPENHAAR

Nato nel Novembre 1960 a Milano da padre tedesco di Aussig (Sudetenland) e madre calabrese di Palmi (RC), Franz Krauspenhaar, dopo aver fatto lo studente fino alla maturità – presa per il rotto della cuffia dopo due sole bocciature – e di seguito il magazziniere, l’impiegato, il manager arrancante, avendo deciso a 37 anni di non voler più stare “alla stanga” (Henry Miller dixit) e di fare una buona volta lo scrittore, ha pubblicato nel 2000 Avanzi di balera (Addictions Libri), nel 2003 Le cose come stanno (Baldini & Castoldi) , nel 2005 Cattivo sangue (Baldini Castoldi Dalai), Era mio padre “(Fazi, 2008), L’inquieto vivere segreto (Transeuropa, 2009), Un viaggio con Francis Bacon (Zona, 2010.) E’ presente nelle antologie Best Off 2006 a cura di Giulio Mozzi (Minimum Fax, 2006), I persecutori (Transeuropa, 2007), Lettere ai politici (Fazi, 2007), “Attenzione uscita operai” (No Reply-2007), Il lavoro e i giorni (Ediesse, 2008),Guida letteraria alla sopravvivenza in tempi di crisi (Transeuropa, 2009), Il magazzino delle alghe (Eumeswil, 2010). In poesia, ha pubblicato presso la Feaci Poesia E-dizioni la silloge Champagne (2006), il poemetto Monoscopio segreto (2007) e la silloge Cocktail K (2008). Ha pubblicato nel 2009 il primo libro di poesie cartaceo, Franzwolf [un’autobiografia in versi] (Manifattura Torino Poesia – Marco Valerio Editore) e ha partecipato nello stesso anno all’antologia Pollockiana, curata da Francesca Tini Brunozzi, sempre per Manifattura Torino Poesia. Del dicembre 2010 è il romanzo 1975 (Caratterimobili). Nel 2011 esce il “romanzo autobiografico sul calcio” La passione del calcio (Perdisapop.) Consulente editoriale, critico, giornalista, sempre curioso e disponibile alle sperimentazioni e alle contaminazioni tra le arti e perché no i mestieri, in onore dei suoi vecchi e gloriosi tempi di commercio e industria è stato per un anno ovviamente breve e altrettanto ovviamente intenso “Amministratore Unico” del blog “Markelo Uffenwanken GmbH & Co.KG”, (www.uffenwanken.splinder.com) sorta di “ditta” specializzata nella “fabbricazione di cultura”, ora trasbordato con tutto il suo poderoso archivio (a imperitura memoria) su questa fantasmagorica piattaforma informatica.
E’ stato redattore dal Dicembre 2004 all’agosto 2008 del blog collettivo Nazione Indiana. (www.nazioneindiana.com), e ha fondato, assieme a Fabrizio Centofanti, il blog collettivo La poesia e lo spirito (www.lapoesiaelospirito.wordpress.com)  nel gennaio 2007. Collabora con giornali e riviste scrivendo di letteratura e di costume.
Vive e lavora ( a modo suo, su questo non transige) a Milano, città che ama e detesta con uguale, passionale vigore.

10 Comments »

  1. Ti Voglio bene. Nel tuo volto di fratello rivivo l’età che ci ha salutati. Un abbraccio ai tuoi dolori, un urlo di gioia alle tue forze. Ciao Francesco.
    Roberto.

    Commento by Roberto Massaria — 27 dicembre 2007 @ 01:04

  2. Ciao a te. Scusa se ti rispondo solo adesso.

    Un caro saluto.

    Commento by Franz Krauspenhaar — 27 febbraio 2008 @ 14:28

  3. […] cose e sul conflitto tra generazioni: – “Habeas Corpus” lo trovate qui, selezionato dal Franz Krauspenhaar e accompagnato da un’opera di Chris Wood. Ed ancora… Sul n. 10 de […]

    Pingback by La Vasca deborda su Nazione Indiana e L’Ulisse « Nella vasca dei terribili piranha — 19 aprile 2008 @ 12:35

  4. CIAO FRANZ

    BUON COMPLEANNO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    questa volta mi sono fermata invece che di corsa come al solito ma sempre presente:-)

    un bacio romano

    Stella

    Commento by Stella Maria — 12 novembre 2008 @ 12:57

  5. […] sito (su uno dei siti…) di Giulio Mozzi, a margine di un intervento di Franz Krauspenhaar su Nazione indiana, è nata una discussione sul tema di quale parentela esista fra l’essere […]

    Pingback by un post sulla scrittura (una volta tanto) | due colonne taglio basso — 6 gennaio 2009 @ 13:04

  6. Certo,da qualche parte, il tuo fuoco manca, eccome!

    Commento by cristina Annino — 8 marzo 2009 @ 13:56

  7. cristina mitica, ciao! ti scrivo ora!

    Commento by Franz Krauspenhaar — 15 marzo 2009 @ 03:29

  8. […] Krauspenhaar Franz, 16 Novembre 2008 […]

    Pingback by Krauspenhaar Franz : Cabaret Bisanzio, laboratorio di finzioni — 1 aprile 2009 @ 09:17

  9. […] culturale ragionano nei loro interventi Carla Benedetti, Antonio Moresco, Loredana Lipperini e Franz Krauspenhaar, che traendo spunto dalla favorevole accoglienza di certa critica ai libri di Faletti, discutono […]

    Pingback by BombaCarta » Best off... what? — 9 novembre 2011 @ 15:34

  10. […] Franz Krauspenhaar, romanziere, poeta, saggista e intellettuale eclettico, ha pubblicato molti libri, tra i quali Le cose come stanno (Baldini & Castoldi, 2003), Cattivo sangue (Baldini Castoldi Dalai, 2005), Era mio padre (Fazi, 2008) con cui ha vinto il premio Palmi speciale. Collabora con giornali e riviste scrivendo di letteratura e costume. Print PDF […]

    Pingback by La perdita di passione nel calcio moderno « PUB — 30 gennaio 2012 @ 22:48

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment

Powered by WordPress