The FK experience il sito di Franz Krauspenhaar

29 giugno 2011

Fangio centanni.

Filed under: Blog — Franz Krauspenhaar @ 22:31

fangio

Ricorre – non a caso – il centenario dalla nascita di Juan – Manuel Fangio, “el maestro”, pilota automobilistico argentino di origini abruzzesi. Fangio vinse cinque mondiali della Formula Uno degli inizi, fino al ritiro nel 1958, all’età di 48 anni. Venne eguagliato e poi superato di un titolo solo nel 2002 e 2003 da Michael Schumacher. Fu senza dubbio il più grande pilota della storia, sia per il numero di Campionati mondiali e di corse vinte, sia per il fatto che correre su quelle auto era pericolosissimo – e infatti non si contano i piloti di quell’epoca deceduti in corsa. Fangio corse su ogni tipo di auto, in F1 cambiò molte volte scuderia, (Alfa Romeo, Maserati, Mercedes, Ferrari, Kurtis Kraft), fu coraggioso e prudente. Domani un post su www.tornogiovedi.it

28 giugno 2011

poesiaandale andale #2

Filed under: Blog — Franz Krauspenhaar @ 00:10

patricia

Rimani a festa
lo scozzese inventa
birradolce, cavoli
a merenda, testa
o croce e mazza
e incolla. Puta de fijo
si ritorce nel trullo.
Cullo!

[Immagine: FK – Patricia.]

19 giugno 2011

Volontà, desiderio

Filed under: Blog — Franz Krauspenhaar @ 22:32

the magic of thinking pig

Vorrei essere il masso, il gradino e l’atlantica sedia,
il materasso, il divano tuo rosso e la ciliegia dei seni
scollinati dalle mani dei due bracci e braccioli sfiniti.
Vorrei essere di saliva sulla tua lingua, vorrei essere le tue mutandine, le tue scarpe, vorrei essere il tuo reggiseno
e le tue calze, per avvolgerti e salire fino allla tua femminilità, scavezzacollo, mistura e aria di nembi verso atlantico, e scortecciarle, e reggerne le foglie eterne.
Vorrei entrare nelle tue orecchie con la punta condita del pollice verso a ogni luna dabbasso, e tu sentiresti li mare del mio desiderio, come se ascoltassi una conchiglia appena raccolta; vorrei liminare, stravolgere ogni frutto, salare la pelle di verbi e sostantivi pieni, vorrei essere il patio della tua villa, vorrei essere Marbella, dove il patio vive
dentro di te, vorrei capire il linguaggio dei razzi, della nave
del jet furioso, al decollo, vorrei parlarti con la lingua
dei canguri e dell’orso, vorrei mungerti e poi farmi
cibo per i tuoi dei, vorrei champagne nelle ossa, una rete
da pesca nel costato, vorrei decidermi a farti saltare
nel recinto del niente, dove tutto accade, nel suo fondo.
E poi non vorrei essere lo stronzo che ti ha incontrata.

[Immagine: FK – The magic of thinking pig.]

7 giugno 2011

Pasquale Vitagliano recensisce 1975 per Lpels

Filed under: Blog — Franz Krauspenhaar @ 00:18

1975

ecco il pezzo

Powered by WordPress