The FK experience il sito di Franz Krauspenhaar

9 giugno 2010

Corde del sogno [seconda e ultima parte.]

Filed under: Blog — Franz Krauspenhaar @ 23:45

carl marinaretto

BIONDO FERRO

Alici, e spaghetti con le vongole, veraci. Soleado al cartoccio, mele d’ordinanza, scampate al diluvio universale. Il suo culo è una mela originaria. Filetti scoscesi di roccia, sorpassata da una spider, nel cucciolo cuore cremoso del pomeriggio addormentato. Mineralwasser. Un timballo di speranza di essere amati, una lasagna al forno nel caldo della passione sfrenata. L’accensione libidinosa delle trofie al pesto, la menta fredda nella gola come fosse uno scaricare l’orgasmo da lui a lei. Il sole che dà illusione ottica di solarità, Ostia nel caldo torrenziale, gli anni Sessanta in melamina, cupole di spaghetti al sugo controvento, in una sola folata, nel sudore di canottiere traforate, stavo guardando cent’anni dopo un film del ‘67, Colpo di sole. Bambini che ascoltano Luglio, e uno di questi sono io. La mamma mi deterge il sudore, dolce madre mia che guarda da sotto lo statuario mio padre, l’omone. Io biondo come il grano maturato, sorrido d’azzurro sulla pineta ammantata di cielo. Come un piccolo morto vago per le nuvole basse e tese in una versione stralunata della mia vita, un’alternativa di paradiso. Oso pensare alla sensibilità della pelle, scatola dei sentimenti e del profondo, incavato da inverni e primavere grigie e nere. L’ingegner Kunz ci porta sul motoscafo: mia madre, radiosa, aspetta in pancia mio fratello, io sono contro l’aria, mio padre ha i capelli scompigliati e muove il volante. Spaghetti all’arrabbiata, birra Spluegen, ne bevve quattro litri, salì sull’auto e guidò fino a casa come se niente fosse. Ora scrivo le memorie di un bambino. Spaghetti aglio olio e peperoncino, mille anni dopo, in una terrazza estiva, assieme a spinterogeni umani a cavaolio di cervella stantie, mugolano il piacere del normale, a rucola dessertati, spumanti volitivi, modaioli, crassi. Sono sopravvissuto a tutto questo. E poi a tragedie, e ad assedi del mio cuore. E a battaglie quasi perse in partenza. Ma io sono biondo ferro battuto e mai vinto.

[Pubblicato nell’antologia “Sognando a Parigi”, Verso l’arte Edizioni, 2010. Immagine: FK – Carl marinaretto.]

2 Comments

  1. Sesso, edipo, oralità, le cifre di Franz Krauspenaahr. In questo scritto sono avviluppate, raccolte in un fascio di colori diversi come è uno l’arcobaleno.

    Ciao Franz

    Carlo Capone

    Commento by Carlo Capone — 17 giugno 2010 @ 20:30

  2. grazie carlo. un caro saluto!

    Commento by Franz Krauspenhaar — 18 giugno 2010 @ 00:39

RSS feed for comments on this post.

Sorry, the comment form is closed at this time.

Powered by WordPress