The FK experience il sito di Franz Krauspenhaar

26 febbraio 2009

Giocando a golf, una notte

Filed under: Blog — Franz Krauspenhaar @ 02:20

 il-bacio-da-il-caso-thomas-crown.jpg

Le tue caviglie, che si muovono
strette e morbide, come piuma
e gomma, sono come leggere
mazze da golf, che da Marte
io faccio partire, sul rosso
del tuo taglio – bocca, figa
verso la palla – bianca, a quadri,
che schizza in alto, verso

la Terra, il Mondo.

[Immagine: Franz Krauspenhaar – Un bacio – da: Il caso Thomas Crown.]

24 febbraio 2009

Vino Italia

Filed under: Blog — Franz Krauspenhaar @ 00:26

luttazzicantrieste.jpg

Barbera

Barolo Bianco Bonarda

Brunello Chianti

Dolcetto Est!Est!Est! Grignolino Gutturnio Lambrusco Malvasia Merlot Mirto Moscato

Nebbiolo

Riesling Rosso Rosato Sangiovese Trebbiano Verduzzo Vin santo Vermentino Valpolicella

19 febbraio 2009

Serenata maltolta

Filed under: Blog — Franz Krauspenhaar @ 23:35

 immagine-1634.jpg

La serenata maltolta nasceva da un preciso limite: quello dell’amore. Una cosa sfuggente come il mento, ma di più, in effetti. Perchè ubriacarsi di latte tutte le sere? Qualche anno fa provai con lo yogurth. Era aromatizzato al cipresso di morte. Come l’amore. Era l’amore. Mi dissero sedici passanti in coro, uscendo da un tram in corsa, quasi al mio risveglio: ” L’amore è lotta quotidiana!”. Io avevo sempre pensato fosse qualcosa di gratuito, come alla mensa dei poveri, come scavalcando i cancelli di San Siro, da ragazzo. No, no, l’amore bisognava guadagnarselo, e poi tenerlo in vita, e farne una pianta, e innaffiarla, sì, più volte al giorno. Bisognava essere guardinieri nel cuore. Io mi spurgavo di serenate maltolte mai suonate. Di rose mai acquistate e mai donate. Di lacrime mai piante. Mi spurgavo di cio’ che non avevo mai fatto.

[Immagine: FK – Anche l’occhiale vuole la sua parte.]

15 febbraio 2009

Un San Valentino Limited Edition su www.ibridamenti.com

Filed under: Blog — Franz Krauspenhaar @ 21:53

 cop105.jpg

Su Ibridamenti, il leggendario blog multiautore megaintellettuale, una mia puntata su San Valentino (da poco passato ancora una volta a miglior vita). Qui.

14 febbraio 2009

Pollockiana [on the rocks rio bravo ok corral sentieri selvaggi, of course]

Filed under: Blog — Franz Krauspenhaar @ 14:53

 pollockiana.gif

Oggi a Vercelli, ore 17.00, al Palazzo Dugentesco ci sarà la presentazione di “Pollockiana”, un’antologia targata Torino Poesia e curata dalla poetessa vercellese Francesca Tini Brunozzi. 53 dicasi 53 poeti italiani (o sedicenti tali, come nel mio caso) illustrano a parole altrettanti quadri di Jackson Pollock e altri grandi pittori americani.

Partecipate numerosi, oserei dire in massa.

Vs. affezionatissimo.

11 febbraio 2009

Title track

Filed under: Blog — Franz Krauspenhaar @ 21:57

title-track.jpg

Ti ho vista, attricetta. Ti ho vista camminare con lui per la via del lusso giovane. Siete entrati in un negozio di abbigliamento. Sono stato a guardare dentro la vetrina per quasi un’ora. Eravate scomparsi alla mia vista, come esclusivi, come involti in una protezione tessile di gran marca. I miei occhi erano chiusi, come se avessi messo un tappo nero all’obiettivo della Canon. La mia. Quando siete usciti ho gettato a terra la sigaretta appena accesa e vi ho seguiti. (more…)

9 febbraio 2009

MicroS

Filed under: Blog — Franz Krauspenhaar @ 14:25

 tulip-blut.jpg

Il modo migliore di vivere è in corsa. Non sei da nessuna parte. Sei vivo e morto. Sei assunto al cielo delle gare.

Dopo hai fatto la belva con i tuoi parenti. Li hai legati al palo. Con uno scudiscio di metallo -acciaio inox 18/10-li hai fatti diventare degli estranei. Tutto il sangue e le ferite e le tumefazioni li hanno resi degli estranei. Pietro Maso uccise i genitori a bastonate, e ad ogni colpo essi diventavano via via meno parenti, meno genitori, meno sangue del suo sangue. (more…)

3 febbraio 2009

Lettera morta

Filed under: Blog — Franz Krauspenhaar @ 13:21

dolce-vita.jpg

 

Una volta questa città era un coro.

Si aprivano le porte al grigio,

alla nebbia. Nel sole c’era oro.

 

I ricordi svisano come tracce,

sono sabbia sotto le ore, le mani

sudano, e la pietà incalza. (more…)

Powered by WordPress